Articoli pomodorozen

/Articoli pomodorozen

L’amore non è pensiero – Jiddu Krishnamurti

La valle si stende da est a ovest; l’estremità a est si incunea in una gola stretta, con una montagna di quasi duemila metri che la sovrasta, su cui la mattina spunta il sole gettando ombre lunghe e profonde e dove regna un silenzio senza fine. C’è una vecchia quercia – ha qualche centinaio di anni – che saluta il [ Continua a leggere ... ]

Gratitudine, soluzione o limite? – Andrea Pangos

La gratitudine può essere un buon modo per polarizzare positivamente le esperienze: favorisce armonia e aperture ed è chiaramente più positiva dell’ingratitudine promotrice di disarmonia, chiusure e conflitti. La gratitudine esige comunque discernimento, non dobbiamo ignorare un particolare pericolo insito nel culto della gratitudine incondizionata, cioè tendere a essere grati a prescindere anche per le esperienze negative. Essere grati per [ Continua a leggere ... ]

Il dono della gratitudine – Ajahn Sumedho

Mio padre è morto circa sei anni fa. Aveva novant’anni e fino a quel momento non aveva mai espresso sentimenti di amore e di affetto nei miei confronti. Fin dalla mia infanzia ho sempre pensato che non gli piacessi e mi sono portato avanti questa sensazione per la maggior parte della mia vita. Non avevo provato nessun tipo di amore [ Continua a leggere ... ]

Insegnamenti dell’insegnante vita – Andrea Pangos

Insegnante nata, molto raramente la vita esprime il vero insegnamento: l’Amore, ciò per cui esiste veramente. Apprendista innata, quasi mai apprende l’Amore, ciò per cui veramente vale vivere, non penare. Ne vale la pena, è un' espressione irrazionale facente parte della presunta razionalità collettiva: significa conviene soffrire; andrebbe sostituita con il concetto che merita gioire per maturare l’Illuminazione.. Imparando ad [ Continua a leggere ... ]

La ruota della vita – Krishnamurti

LA RUOTA DELLA VITA - IL KARMA Ho già detto come la liberazione e l’apertura della porta che conduce al Regno della Felicità sia per tutti, e non per pochi eletti; e come il raggiungimento e l’adempimento della liberazione venga soltanto con la cessazione assoluta di qualsiasi creazione di Karma. Poiché il Karma forza ciascuno ad abitare, una vita dopo [ Continua a leggere ... ]

Addestrare la mente – Daniel Goleman

La meditazione può cambiare il cervello? Daniel Goleman, autore del best seller Intelligenza emotiva, dà delle risposte sorprendenti. Recenti ricerche ci dicono che il cervello è estremamente plastico, a patto che attraversiamo esperienze sistematiche e ripetute; in questo senso le pratiche meditative sembrano le migliori per trasformare le emozioni distruttive. Nel suo libro Emozioni Distruttive, in collaborazione con il Dalai [ Continua a leggere ... ]

Guarire col respiro – Thich Nhat Hanh

Questo è un lungo Discorso di Dharma del 2000 eppure attuale e persino avanzato di cui abbiamo detto nella biografia del maestro; il testo è molto lungo, ma se ora hai spazio in te per leggerlo nella calma del tuo respiro consapevole sarai appagato: Thay parla di cose utili a tutti per la nostra salute in base alla sua concreta [ Continua a leggere ... ]

Pensiero non giudicante – Ajahn Munindo

Nel cercare di andare al di là di un'esistenza abitudinaria o ignorante, a un certo stadio dovremo necessariamente osservare come ci formiamo un personale senso di sicurezza, la nostra identità. Per tutti noi tale identità sorge, per lo meno in buona parte, dal prendere posizione a favore o contro quello che accade. Possiamo rendercene conto dalla sensazione di sicurezza che [ Continua a leggere ... ]

Relazione Maestro Discepolo

La relazione tra guru e discepolo definisce l’unico vero modo che ha l’anima vagabonda per tornare a Dio. All’inizio è saggio mettere a confronto molti sentieri spirituali e molti insegnanti, ma quando si è trovato il vero guru ed il vero insegnamento, allora la ricerca inquieta deve cessare. L’assetato non deve continuare a cercare pozzi, ma andare al pozzo migliore [ Continua a leggere ... ]

La prospettiva spirituale – Deepak Chopra

Chi guarda fuori, sogna; chi guarda dentro, si risveglia. (Carl Gustav Jung) Se vuole vincere la contesa per il futuro, la spiritualità deve anzitutto superare un grande pregiudizio. Nell’immaginario collettivo la scienza ha da lungo tempo screditato la religione. I fatti hanno rimpiazzato la fede. La superstizione è stata lentamente sconfitta. Ecco perché la teoria darwiniana della discendenza dell’uomo dai [ Continua a leggere ... ]

L’Attaccamento – Upadana

L’attaccamento - upadana Il significato del termine upadana copre due aspetti principali: in un senso più attivo, indica l’atto di ‘afferrare’, o ‘attaccarsi’ (due termini che userò indifferentemente per rendere upadana). In senso passivo, si riferisce a ciò che viene afferrato o a cui ci si attacca, in quanto ‘base’, ‘sostegno’ o ‘sostrato’, a volte anche nel senso di ‘alimento’ [ Continua a leggere ... ]

Impermanenza – Dalai Lama

Durante gli anni della mia vita ho incontrato così tante persone. Esse ora sono soltanto oggetti della mia memoria. Oggigiorno incontro molte più persone nuove. E’ come assistere a un dramma; dopo aver recitato la loro parte, esse cambiano costume e riappaiono. Se passiamo le nostre brevi vite sotto l’influenza del desiderio e dell’odio, se per il bene di quelle [ Continua a leggere ... ]

Impermanenza Buddhista – Anicca

Ogni cosa esistente è impermanente. Quando si comincia a osservare ciò, con comprensione profonda e diretta esperienza, allora ci si mantiene distaccati dalla sofferenza: questo è il cammino della purificazione. Dhammapada, XX (277) Per spiegare in maniera più ampia e dettagliata l'importante concetto di anicca, l'impermanenza, proponiamo questo articolo redatto dal Vipassana Research Institute. Anicca, l'impermanenza Il cambiamento è inerente [ Continua a leggere ... ]

Sei libero e ami? – Il Buddhismo dice: Vivere così è possibile

Libera il cuore Compi il tuo viaggio, come la luna tra le stelle IL BUDDHA Le cose importanti della vita sono estremamente semplici: sei libero e ami? Porti i tuoi doni al mondo, che ne ha un bisogno tremendo? La buona notizia che viene dal buddhismo è che vivere così è possibile: siamo in grado di condurre una vita [ Continua a leggere ... ]

Illuminazione e Umanizzazione – Andrea Pangos

L’Umanizzazione è la nobilitazione dell’Illuminazione, che basilarmente esige soltanto la Divinizzazione, la spiritualizzazione della materia, in modo che questa renda possibile Estinzione ed Essere Beatitudine, a prescindere dalla capacità di generare quotidianità Beata, perché la vita si svolge in un ambito molto ristretto, per esempio in ashram o monastero, con condizioni che non richiedono ordinarie attività quotidiane. La Divinizzazione è [ Continua a leggere ... ]

Cosa è il Buddhismo

DOMANDA: Che cos'è il buddhismo? RISPOSTA: La denominazione buddhismo proviene dalla parola "budhi" che significa "svegliare" ed è per questo motivo che il buddhismo è la filosofia del "processo" del risveglio. Questa filosofia ha le sue origini nell'esperienza di un uomo, Siddhartha Gotama, conosciuto come il Buddha, il quale raggiunse l'illuminazione all'età di 35 anni. Il buddhismo ha ora 2.500 [ Continua a leggere ... ]

Imparare ad Accogliere la Realtà – Ajahn Sucitto

Se consideriamo cos’è che vogliamo dalla vita ci accorgiamo che ci deve essere una motivazione. Ma si tratta di qualcosa di infido perché se la nostra motivazione si basa su aspettative, risultati e conquiste da fare, allora ci sarà uno sforzo causato dal tentativo di realizzare gli obiettivi che ci siamo prefissi. In termini di pratica buddhista il premio è [ Continua a leggere ... ]

Quando l’erba crescerà sulla mia tomba – Fernando Pessoa

Quando l'erba crescerà sulla mia tomba, Sia lì il segno che mi si dimentichi del tutto. La Natura mai si ricorda, per questo è bella. E se si prova il bisogno morboso di 'interpretare' L'erba verde sulla mia tomba, Dite pure che continuo a verdeggiare e ad essere naturale. Credo al mondo come a una margherita, Perché lo vedo... Ma [ Continua a leggere ... ]

La vita ha un senso? – Da “Andare incontro alla vita” J.Krishnamurti

La vita ha un senso?   Brockwood Park, 5 /9/ 1976 Io penso che dobbiamo parlare insieme di qualcosa di fondamentale importanza, qualcosa di cui ogni essere umano dovrebbe occuparsi per ché riguarda la nostra vita, la nostra attività quotidiana, il modo in cui noi sprechiamo i giorni e gli anni della nostra vita. Perché ? E a che scopo? Noi [ Continua a leggere ... ]

Vivere senza menzogna – Aleksandr Solgenitsyn

Ci siamo così irrimediabilmente disumanizzati che per la modesta pappatoria di oggi siamo disposti a dar via tutti i nostri princìpi, l'anima, tutti gli sforzi dei nostri predecessori e le opportunità dei nostri posteri — qualsiasi cosa pur di non arrecare turbamento alla nostra precaria esistenza. Non sappiamo più cosa siano l'orgoglio, la fermezza, un cuore fervido. Non ci spaventa [ Continua a leggere ... ]

Samsara: Il ciclo del mondo condizionato

Nessuno può negare l’esistenza di alti e bassi in una relazione. In ogni esperienza vissuta senza il riconoscimento del qui e ora si nasconde sempre anche qualcosa di doloroso, perché niente dura in eterno: le condizioni piacevoli e le belle sensazioni prima o poi si dissolvono. Persino quando le circostanze sono ottimali, ad esempio se abbiamo una vita agiata, siamo [ Continua a leggere ... ]

L’Amore non è Orgoglio! – Osho

Io insegno l'amore per se stessi. Ma ricorda, amore per se stessi non significa orgoglio egocentrico, niente affatto, significa esattamente l'opposto. La persona che ama se stessa scopre che in lei non esiste alcun sé. L'amore dissolve sempre il sé: questo è uno dei segreti alchemici che dev'essere compreso, appreso, sperimentato. L'amore dissolve sempre il sé. Ogni volta che ami, [ Continua a leggere ... ]

Cosa dobbiamo cercare? – Krishnamurti

Sia che si cerchi di sopravvivere in quanto individuo o nazione; sia che si vada da un maestro, un guru, un salvatore; sia che si segua una particolare disciplina, o si cerchi qualche altro mezzo per migliorarsi, ognuno di noi non sta forse cercando, nel suo modo più o meno limitato, una qualche forma di soddisfazione, continuità, permanenza? Allora chiediamoci [ Continua a leggere ... ]

Mangiare un mandarino con consapevolezza – Thich Nhat Hanh

Bambini, dopo avere sbucciato un mandarino, potete mangiarlo con consapevolezza o distrattamente. Cosa significa mangiare un mandarino con consapevolezza? Mangiando un mandarino, sapete che lo state mangiando. Ne gustate pienamente la fragranza e la dolcezza. Sbucciando il mandarino, sapete che lo state sbucciando; staccandone uno spicchio e portandolo alla bocca, sapete che lo state staccando e portando alla bocca; gustando [ Continua a leggere ... ]

Send this to a friend